Servizi e FAQ

Sviluppo

Soluzioni software innovative, modulari e scalabili basate su tecnologia DLT/Blockchain.

Scopri di più

Consulenza

Supporto alle aziende pubbliche e private nelle applicazioni della tecnologia.

Scopri di più

Divulgazione

Corsi di formazione alle aziende, workshop e articoli divulgativi.

Scopri di più

Le domande più frequenti

Le risposte alle domande più comuni riguardanti la tecnologia Blockchain, il fulcro del nostro operato.

Per ogni altro dubbio non risolto, non esitare a metterti in contatto con noi!

Letteralmente ``catena di blocchi``, è un sistema peer-to-peer distribuito di ledger, che ridefinisce il concetto di DLT (distributed ledger technology) attraverso l’organizzazione dei dati in blocchi “concatenati” in modo sequenziale.
Un peer-to-peer (``di pari a pari``) distribuito altro non è che un sistema formato da una rete di singoli computer, i nodi, che condividono tra loro le proprie risorse, come ad esempio capacità di calcolo computazionale o memoria, senza che vi sia un'entità, o server, centrale di controllo.Questo congiuntamente all’utilizzo della crittografia, rende il sistema integro (non modificabile da terzi senza permesso) nella struttura e nel funzionamento.

L'assenza di un soggetto centrale e coordinatore è la caratteristica principale di questo sistema, che rende tutti i nodi di pari importanza; non una rivoluzione se si pensa a tecnologie in uso da anni e basate sul file sharing come Torrent o Emule. La novità infatti è la distribuzione dei ledger (e non di semplici file) la cui traduzione più corretta è ``libro mastro`` o semplicemente “registro”.

All'interno della Blockchain quindi non esiste un registro principale a cui fare riferimento, bensì vi è una rete di registri che contengono gli stessi dati e le stesse informazioni. Alcuni esempi di registro possono essere il Catasto per gli immobili, oppure il registro universitario che memorizza i voti di tutti gli studenti e così via. Tutti questi esempi hanno in comune la presenza di una autorità centrale (il Catasto o l'università) che gode di una fiducia, in linea di massima, degli utenti.

In quest’ottica un’autorità centrale svolge esattamente lo stesso compito che si prefissa la Blockchain definita come un sistema che mantiene la sua integrità; un sistema che non solo non commette errori, ma nel quale i dati non vengono persi o modificati in modo errato e nessuno può accedere a informazioni per le quali non è autorizzato. La novità è quindi, anche,nel ``problema della fiducia``: la Blockchain garantisce agli utenti maggior sicurezza di una autorità centrale senza che quest'ultima esista; grazie all'utilizzo di un registro sicuro, trasparente e non modificabile da terzi senza permesso: la fiducia non deve essere conquistata ma è intrinseca nel sistema stesso.
Per tale motivo la tecnologia Blockchain è, spesso, considerata una rete trustless; ciò non significa che essa opera in assenza di fiducia nel suo funzionamento( solo perchè non se ne deve riporre in un’autorità centrale), ma, bensì, che la Blockchain ne minimizza l’ammontare richiesta da ogni singolo “attore” del sistema, distribuendola tra questi.

La Blockchain è spesso associata solamente a Bitcoin, creando una certa confusione per cui chi si approccia per la prima volta a questo mondo non ne riesce a comprendere neanche le basilari differenze. La Blockchain è, di fatto, la tecnologia che permette l’esistenza della criptovaluta Bitcoin. Quest’ultima è solamente la prima applicazione, in ambito monetario, di una tecnologia che avrà futuro in tanti e diversi settori. Come dice il nostro slogan “Blockchain oltre le crypto” il nostro team si occuperà sempre di studiare, divulgare e applicare questa tecnologia in contesti di business, senza mai concentrarci su analisi speculative.
All’interno del mondo Blockchain è opportuno distinguere tra Blockchain Permisionless (senza permesso) e Blockchain Permissioned (con permesso). Le prime sono comunemente associate al concetto di “Blockchain pubblica” ovvero un sistema aperto dove chiunque (o quasi, dipende dalla specifica piattaforma) può entrare e diventare parte attiva del sistema stesso diventando un nodo della rete. L’esempio classico è la Blockchain di Bitcoin, pubblica per definizione, e accessibile da tutti.
Le Blockchain Permissioned sono a loro volta associate al concetto di “Blockchain privata” ovvero sistemi accessibili in scrittura e/o in lettura solo da soggetti autorizzati all’accesso.
Evidentemente i due casi di Permissioned e Permssionless in senso stretto non coprono la totalità dei casi esistenti; vi sono numerose piattaforme “ibride” che possiedono alcune caratteristiche di entrambe come ad esempio una piattaforma Blockchain che permette l’accesso in lettura a tutti ma concede la possibilità di essere un validatore solo ad alcuni nodi.
Se vuoi iniziare un percorso formativo nel mondo blockchain prima di tutto ti invitiamo a contattarci e parlare direttamente con una persona del nostro team che ti saprà consigliare, in base alle tue esigenze, la soluzione migliore. Altrimenti se sei semplicemente interessato all’argomento puoi approfondire con i nostri articoli e post (pubblicati sulle nostre pagine social) o iscriverti ad uno dei nostri workshop o corsi di formazione.
Gli smart contract o ‘contratti digitali’ sono una delle innovazioni più importanti degli ultimi anni e hanno trovato nella Blockchain un perfetto mezzo di esecuzione. Parliamo di ``codice`` che si esegue autonomamente rispettando i termini previsti da un contratto e, grazie alla Blockchain, può esservi associata una validità legale sfruttando la capacità di immutabilità della tecnologia.
Le Dapp (Decentralized Application) sono delle particolari applicazioni che non un utilizzano un tradizionale server centralizzato per funzionare bensì sfruttano la potenza computazionale distribuita sua una piattaforma Blockchain. In particolare è la porzione di codice che concerne la parte di back-end della dapp che deve operare sulla Blockchain.
Ethereum è la più famosa piattaforma che permette la creazione e il funzionamento di queste applicazioni.
Le ICO (Initial Coin Offering) rappresentano un innovativo metodo di crowdfunding in cui per finanziare un progetto l’investitore acquista dei token (un asset digitale che può avere diverse funzioni) che poi potrà utilizzare all’interno della nuova piattaforma blockchain based a progetto ultimato oppure rivendere su un Exchange. Oggi oltre alle ICO si parla anche di STO (Security Token Offering) e IEO (Initial Exchange Offering), tema che affrontiamo spesso sia nei nostri articoli che nei post pubblicati sulle nostre pagine social. Se desideri saperne di più puoi contattarci per una consulenza oppure pre-registrarti ad uno dei nostri workshop e corsi di formazione.
Le potenzialità di questa tecnologia in ambito business sono ancora inesplorate. Se da un lato ci sono un grande numero di applicazioni e società che si occupano di acquisto e scambio di criptovalute, dall’altro manca una pari presenza di chi come noi intende portare altre applicazioni della Blockchain all’interno delle aziende.
Se opportunamente utilizzata può portare indubbi benefici in termini di efficienza e controllo dei processi, come ad esempio nel caso della tracciabilità di un prodotto lungo la filiera o l’utilizzo di smart contract per stipulare contratti sicuri con clienti/fornitori.
Il beneficio più grande però è l’acquisizione di vantaggio competitivo rispetto alle altre imprese rappresentando un punto di forza agli occhi di clienti o possibili investitori. Se sei interessato a capire se questa tecnologia possa essere utile nella tua azienda ti invitiamo a contattarci e riceverai in poco tempo un’email con cui fissare un incontro per approfondire.
Se hai un’idea per una startup innovativa o un progetto da proporre alla tua azienda in cui credi che la Blockchain possa essere un utile strumento non esitare a contattarci e riceverai un’email il prima possibile per fissare un incontro o una call.
Assolutamente! Uno dei nostri obiettivi è proprio creare intorno a noi una rete di collaborazioni con professionisti, società e startup del settore per lavorare a progetti comuni, discutere insieme di innovazione e organizzare eventi divulgativi con una partecipazione attiva di tutti. Prima degli accordi economici vengono le capacità e lo spirito di open innovation delle persone con cui lavoriamo; non esitare a contattarci così da poter fissare un incontro o una call in cui discuterne!
it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian